Questo sito utilizza i cookie per migliorare i servizi e per fini statistici. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta l'informativa estesa sui cookie.
Proseguendo la navigazione del sito o chiudendo questo banner acconsenti all’uso dei cookie.
Caricamento…

Biografia

"Andrea Oliva è uno dei migliori flautisti della sua generazione, una stella brillante nel mondo del flauto”: così Sir James Galway definisce Andrea Oliva, Primo flauto solista dell’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, ruolo che ricopre dal 2003.
Nato a Modena nel 1977, si diploma col massimo dei voti in soli cinque anni all’Istituto Musicale “Vecchi-Tonelli” di Modena sotto la guida di Gabriele Betti, perfezionandosi poi con Claudio Montafia, Michele Marasco, Glauco Cambursano, Jean-Claude Gérard, Andreas Blau e Sir James Galway e iniziando subito una brillante carriera.

Fra i numerosi premi vinti nei più importanti concorsi flautistici internazionali spiccano il primo premio al Concorso Internazionale di Kobe (2005, primo italiano ad aver ottenuto tale riconoscimento) e il terzo premio al Concorso Internazionale ARD di Monaco (2004). La sua attività concertistica lo ha portato a esibirsi in alcune fra le più importanti sale di tutto il mondo: Carnegie Hall di New York, Museo d’Arte Contemporanea di Londra alla presenza della Regina Elisabetta, nella prestigiosa Bunka Kaikan Hall di Tokyo, all’Hong Kong Academy, in Cile e a Cuba. Già membro effettivo dell’Orchestra Giovanile Gustav Mahler, ha frequentato l’Accademia Herbert von Karajan, ed è stato invitato, a soli 23 anni, come Primo flauto ospite dai Berliner Philharmoniker sotto la direzione di prestigiose bacchette quali Claudio Abbado, Lorin Maazel, Valery Gergiev, Sakari Oramo, Mariss Jansons e Bernard Haitink. Invitato personalmente da Claudio Abbado, ha suonato con l’Orchestra Mozart di Bologna e collabora come docente all’Accademia dell’Orchestra stessa. Nello stesso ruolo collabora con numerose orchestre quali: Symphonieorchester des Bayerischen Rundfunks, Orchestra da Camera di Monaco, Bamberger Symphoniker, Mahler Chamber Orchestra e Chamber Orchestra of Europe. Si è esibito varie volte in veste di solista con l’Orchestra di Santa Cecilia diretto da Chistopher Hogwood, Myung-Whun Chung e nel marzo 2010 da Antonio Pappano, eseguendo il Concerto di Nielsen (trasmesso dai RAI 3). Nel 2012 ha eseguito la prima nazionale del Concerto per flauto e orchestra di Marc-André Dalbavie diretto da Manfred Honeck. È membro del GlobeDuo (flauto e chitarra con Costanza Savarese) con il quale si esibisce nelle più importanti stagioni italiane ed estere affrontando repertori nuovi e inesplorati per questa formazione oltre che essere membro e fondatore del Quintetto di fiati Italiano e dei Cameristi di Santa Cecilia.

Richiestissimo e apprezzato docente, insegna ai corsi di Alto perfezionamento all’Accademia di Santa Cecilia, al biennio superiore a Modena e al triennio di Alto perfezionamento presso l’Accademia Internazionale “Incontri col Maestro” di Imola. È attualmente Professore di Flauto principale presso il Conservatorio della Svizzera italiana (CSI Lugano). Ha inciso per VDM Records Sonate per flauto e pianoforte (con Marco Grisanti), per Le Chant de Linos le Sonate di Händel. Per la rivista Amadeus Le merle noir di Olivier Messiaen e per Wide Classique Globe (cdvincitore del Los Angeles Global Award 2013). Ha pubblicato inoltre un dvddidattico sul flauto (Edizioni Accademia 2008) e il cdBach Flute Sonatas insieme alla pianista canadese Angela Hewitt per Hyperion, con la quale ha debuttato nel 2014 alla Wigmore Hall di Londra riscuotendo numerosi consensi di pubblico e di critica. Di recente pubblicazione la Sonatina di Henri Duttileux e Romance di Saint-Saëns per Brillant (con A. Makita) e la Sonata da Concerto per flauto solista e archi di Giorgio Federico Ghedini per la Sony diretto da Rustioni con l’Orchestra Regionale della Toscana.

Andrea Oliva suona un flauto Muramatsu 14k all gold SR appositamente progettato per lui.

www.andreaoliva.com